Sotto l'alto patrocinio di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Abruzzo, Comune di Teramo, Comune di Castelli Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero dello Sviluppo Economico Regione Abruzzo Comune di Teramo Comune di Castelli
CENTENARIO DELLA NASCITA DI POTITO RANDI (1909-2009)
potito randi

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

POTITO RANDI: testimonianze

E’ morto Randi, un pioniere della trasformazione dell’economia teramana.
da "Il Tempo" del 3 novembre 1989 - di Marcello Martelli.

Con La fondazione della “Spica” realizzò nella città di Teramo la prima azienda di dimensione nazionale avviando una nuova epoca.

E’ morto a Riccione il dr. Potito Randi, presidente onorario degl’industriali teramani. Aveva 80 anni. Era nato a Faenza ma fin dal dopoguerra aveva stabilito rapporti affettivi con Castelli, dove era stato a lungo sindaco, e con Teramo.. Randi tuttavia è ricordato soprattutto per la sua prestigiosa figura di imprenditore e d’industriale, pioniere della trasformazione economica della provincia di Teramo.Presidente per vari anno dell’Unione degli industriali, è stato il primo operatore ad installare per allora una azienda di dimensioni nazionali, la Spica, che nel settore della ceramica e delle piastrelle ha tenuto testa, negli anno del boom, ai gruppi industriali più potenti. Alla base di questo successo, c’erano l’intelligenza e le capacità di Potito Randi, uomo con il bemoccolo dell’imprenditore.

Ma era, soprattutto, un esperto in chimica di riconosciuto valore, materia in cui si era laureto giovanissimo. Il successo e poi la ricchezza non avevano intaccato le sue qualità di uomo fondamentalmente semplice, sensibile, attento mecenate della cultura e dell’arte. Negli anno ‘50, chi lo conosceva bene, lo immaginava come uno spregiudicato “padrone delle ferriere”. Noi che gli siamo stati amici, possiamo confermare che, sotto la scorza di scontroso e di imprevedibile, c’era un personaggio dal cuore grande. Come quella volta che , a Napoli, ci condusse nel carcere di Poggio Reale, per portare un aiuto concreto e di solidarietà umana ad un poveraccio che appena conosceva, incappato nelle maglie della legge.

A Sassuolo, capitale della ceramica, Potito Randi era rispettato e temuto come un dio: Sapeva tenere testa ai colossi del settore per la particolare qualità dei suoi prodotti e degli smalti, delle vernici e degli impasti: un campo in cui il fondatore della Spica era davvero geniale ed imbattibile. Quando, poco prima della grande crisi dell’edilizia, con fiuto e lungimiranza, aveva ceduto i suoi stabilimenti alla multinazionale Villeroy & Boch, qualcuno disse che i grandi della ceramica avevano voluto eliminare un concorrente fastidioso e temibile. Negli ultimi anni si era ritirato nella casa di Bologna.

Fino all’ultimo, però, era rimasto amico dell’Abruzzo e di Teramo, dove contava molti amici e conservava tanti ricordi. Con Potito di Randi — non è un modo di dire - scompare un protagonista, e si chiude un capitolo che ha visto le trasformazioni più grandi e decisive della provincia di Teramo e ,in fondo, della nostra vita.

<< torna alle testimonianze...


Unione degli Industriali della Provincia di Teramo BIM Teramo Banca di Teramo Camera di Commercio di Teramo Banca Tercas Teramo Gruppo Consorform Banca dell'Adriatico
COMITATO CENTENARIO NASCITA POTITO RANDI - c/o Confindustria Teramo - 64020, S. Atto di Teramo - codice fiscale: 92039420671
COPYRIGHT - CREDITI