Sotto l'alto patrocinio di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Abruzzo, Comune di Teramo, Comune di Castelli Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero dello Sviluppo Economico Regione Abruzzo Comune di Teramo Comune di Castelli
CENTENARIO DELLA NASCITA DI POTITO RANDI (1909-2009)
potito randi

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

POTITO RANDI: le aziende: Edigrafital S.p.A.

L'Edigrafital S.p.A.

L’imprenditore Potito Randi uomo con l’amore per la cultura , non poteva trascurare di prendere in esame una attività imprenditoriale legata proprio alla cultura ed ai supporti necessari per la sua diffusione. L’incontro con il giornalista Marcello Martelli fu l’occasione. Dalla piccola tipografia artigiana, Ceti, fu realizzata nel complesso industriale di S. Atto, l' Edigrafital spa. Obiettivo primario fondare il primo quotidiano in Abruzzo e creare un’azienda di produzione tipografica e cartotecnica che fornisse materiali necessari alle sue grandi aziende Spica di Castelli, Spica di Teramo e Spea di S. Atto.

L’azienda fu strutturata fin dall’inizio per essere autonoma ed a ciclo completo divisa in reparti ad iniziare dalla composizione tipografica, manuale e meccanica, per proseguire con la stampa, la finitura e l’allestimento. Il reparto del settimanale “Le Notizie” completaente autonomo, ma totalmente integrato nell'azienda era dotato di reparti di composizione, impaginazione, flanatura e di una rotativa, a 16 pagine bicolore, completa di piegatura finale.

L’iniziativa della stampa del giornale ebbe però breve durata e dopo circa un anno per una serie di motivi, furono interrotte le pubblicazioni del settimanale. Negli altri settori di produzione l’azienda riuscì a trovare ottimi consensi sia nel territorio abruzzese, sia in quello del centro Italia,con particolare riferimento a Roma dove si concentravano le più interessanti commesse di lavoro nei settori delle forniture tipografiche in genere e dell’editoria.

Il portafoglio aziendale crebbe enormemente in pochi anni e l’azienda annovera tra i suoi clienti nomi blasonati come gli editori : Armando Armando, Poligrafico dello Stato, Editalia, Ciranna, Editori Riuniti o aziende pubbliche e private come l’Istat, Alitalia, Banco di Roma, Casse di Risparmio, Enit, Amministrazioni regionali e comunali, oltre ad essere il punto di riferimento naturale della maggior parte di aziende e di enti abruzzesi. In alcuni anni anche editori europei, come il londinese Chapman Ltd, usufruirono dei servizi dell'azienda teramana. In questo periodo i figli del dott. Potito Randi, Giorgio prima e Bruno poi entrarono in azienda per dare il loro apporto diretto. Passavano gli anni, le giovani ma preparate e volenterose maestranze crescevano e con loro si consolidava l’azienda. Si gestì con estrema naturalezza il passaggio dalla tipografia tradizionale a “piombo” a quella più moderna “elettronica”, attraverso una graduale sostituzione delle macchine tipografiche con le più moderne macchine offset a colori In questo periodo l’azienda subì una grande crescita esponenziale sia in quantità che soprattutto in qualità ed le produzioni “edigrafital” venivano apprezzate in tutta Italia con particolare riferimento alle produzioni per bibliografi che venivano considerate veri gioielli della stampa tipografica artigianale.

Il dott. Potito Randi, attento osservatore e schietto critico delle sue aziende aveva un progetto in mente, quello di far diventare l’azienda teramana anche la maggior produttrice italiana di moduli continui per centri elettronici ed elaborazione dati. Da qui la ricerca del partner giusto che fu identificato nella Smolars di Trieste nella persona del dott. Paladini anche lui grande capitano d’industria.

Ma a contratti già definiti e a progetti già delineati, venne meno all’improvviso l’imprenditore "dei moduli e delle carte valori" il dott. Paladini e la Smolars proprio per questa grave perdita , abbandonò il progetto. Forse anche questo evento, fece decidere al dott. Potito Randi, dopo i primi anni ottanta, di cedere ad altri imprenditori la edigrafital s.p.a. , che ha continuato per un altro ventennio la sua esemplare attività editoriale e di supporto all’imprenditoria moderna.

photo Foto d'epoca dell'Edigrafital S.p.A.
La composizione tipografica, i grandi banconi pieni di caratteri mobili divisi per corpo e stile si riconoscono i compositori, Domenico Inforzato, Giovanni Di Eleonora, Remo Virgili, Primo Cerquone.   1970 – le due macchine tipografiche heidelberg “stella”.   reparto montaggi – sui tavoli con le pellicole pronte, Vincenzo      Cordoni e   Luigi Del Vecchio   Il grande ingranditore fotografico Record. Reparto fotografia.
Macchina tipografica Heidelberg 50x70 , alla sua guida Gino Di Luca.   La prima macchina offset due colori 70x100 invicta 41/s. All’entrata Ennio Tellone, all’uscita Nazario Leonelli.   Il primo tagliacarte elettronico RPM 153, al rifilo dei fogli Carlo Di Panfilo.   Decennale dell'Edigrafital. I saluti di Emilio Trasarti, direttore, seduti in prima fila vicino al Prof.Carino Gambacorta, sindaco di Teramo, Giorgio Randi e Bruno Randi figli del dott. Potito
Il bancone della composizione delle pagine prima della preparazione del flano.   Il grande parco linotype , 11 affilate, tra gli operatori Tonino Tornelli, Gino Valentini, Alessandro Manzione.   Rotativa Koeng & Bauer, la pagina  di piombo bloccata sul cilindro stampa con in evidenza la testata “ Le Notizie”   La rotativa con le pagine in basso e la bobina in stampa continua.
La rotativa in azione, l’uscita del giornale in piega   Foto ricordo. In piedi Raffaele Ganci, Gaetano Faro, Francesco Santuccione,Guido La Rosa, Patrizio Liverziani,Marcello Martelli,la signora Martelli, accosciati Tiberio Cianciotta e Gustavo Bruno.   Il reparto del cartone ondulato  

Unione degli Industriali della Provincia di Teramo BIM Teramo Banca di Teramo Camera di Commercio di Teramo Banca Tercas Teramo Gruppo Consorform Banca dell'Adriatico
COMITATO CENTENARIO NASCITA POTITO RANDI - c/o Confindustria Teramo - 64020, S. Atto di Teramo - codice fiscale: 92039420671
COPYRIGHT - CREDITI