Sotto l'alto patrocinio di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Abruzzo, Comune di Teramo, Comune di Castelli Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero dello Sviluppo Economico Regione Abruzzo Comune di Teramo Comune di Castelli
CENTENARIO DELLA NASCITA DI POTITO RANDI (1909-2009)
potito randi

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

POTITO RANDI: attività pubbliche: Confindustria

Confindustria.

Il primo tentativo della costituzione a Teramo dell’unione degli industriali fu effettuato da Giovanni Fabbri nel 1919. Ma la vera struttura nacque alla metà del 1900 con il presidente Livio Serafini che per due mandati dal 1950 al 1956 guidò i destini della nascente industrializzazione. Per lungo tempo nella nostra provincia ma in realtà in tutto il paese, sembrava che si dovesse contare per ciò che riguardava l’economia sulle risorse dell’agricoltura, sui doni del sole e della pioggia e sui braccianti contadini.

Il tutto veniva rafforzato dal fatto che la nostra nazione difettava di materie prime quali minerali e di risorse energetiche quale carbone ed altri combustibili, che invece erano abbondanti in altri paesi europei. La distanza che ci separava dai paesi industrializzati era abissale ed occorreva una grande dose di fiducia e caparbietà intellettuale ed operativa per colmare queste distanze e quindi recuperare terreno.

Proprio le associazioni industriali, compresa quella di Teramo, furono i luoghi dove si espresse fortemente la volontà di farcela e lanciare così la sfida al cambiamento in una Italia dove prevalevano fortemente gli interessi della grande proprietà fondiaria e le tradizioni della vecchia società rurale. Forti furono le battaglie per convincere la pubblica opinione della potenzialità dell’industria ed attirare proprio ad essa aiuti pubblici proprio per sostenerla e farla crescere.

Passaggio determinante era stato nel primo ventennio l’efficace opera del governo con a capo Giovanni Giolitti. I frutti di un lavoro costante non tardarono ad arrivare e si registrarono in campo nazionale le prime fortune degli imprenditori tra i quali Giovanni Agnelli, Camillo Olivetti, i fratelli Perrone, Giovanni Battista Pirelli, Gaetano Marzotto.

Le associazioni industriali divennero presto, alla luce anche di questi enormi successi, luoghi di discussione e di confronto, laboratori di idee e di progetti e si affinavano anche le esigenze di studiare nuove soluzioni per il trattamento dei materiali, l’organizzazione del lavoro, l’analisi dei costi e la gestione finanziaria. Fu questo il periodo di presidenza del dott. Potito Randi, in sei mandati consecutivi dal 1956 al 1972.

L’industrializzazione prese piede, molte aziende artigianali divennero industrie e nuove attività imprenditoriali iniziarono e crearono quel tessuto industriale di una provincia portata a rappresentare per tanti anni il nocciolo duro dell’imprenditoria abruzzese. In quegli anni tra le aziende teramane più conosciute a livello nazionale emergevano la Spica di Teramo, la Rolly alimentari, la Saila ,Monti Confezioni etc


photo Foto d'epoca dell'Unione Industriali di Teramo.
Il dott. Potito Randi in un suo intervento in assemblea Unione Industriali insieme ai colleghi imprenditori fratelli Di Carlantonio   Primo congresso nazionale della piccola industria 1956. I delegati di tutta Italia   Unione degli Industriali, Il dott. Potito Randi, alla sua destra i dottori Gramenzi e Benucci alla sua sinistra il prof. Gambacorta e il dott. Tommolini.   Il dott. Potito Randi presiede una delle riunuioni dela Confindustria teramana. sulla sua destra si riconoscono Alberto Aiardi, Alberto Gavini, i fratelli Di Carlantonio. Sulla sua sinistra l'avvocato Cipolletti. Teramo 1964.
Anno 1973. Corso di formazione per giovani imprenditori e dirigenti d’azienda. Da sinistra: Giovanni Magazzeni, Emilio Trasarti, Wanda Di Pietrantonio, Mario Petrarca, Gabriele Traini, Dario Camerati, Mario Bonfini, Bruno Leotta, Solustri Ermogaste, Giuseppe Vecchietti.   Incontro a Teramo con il Presidente della Confindustria dott. Guido Carli. In prima fila sono seduti tra gli altri i dottori: Antonio Tancredi, Carino Gambacorta, Vinicio Serroni, Nando Di Paola, Alberto Aiardi.   Il presidente di Confindustria dott. Guido Carli con autorità ed imprenditori teramani.   Il presidente di Confindustria dott. Guido Carli con il dott. Potito Randi, Achille Vespertino e Gino Falzon.
         

Unione degli Industriali della Provincia di Teramo BIM Teramo Banca di Teramo Camera di Commercio di Teramo Banca Tercas Teramo Gruppo Consorform Banca dell'Adriatico
COMITATO CENTENARIO NASCITA POTITO RANDI - c/o Confindustria Teramo - 64020, S. Atto di Teramo - codice fiscale: 92039420671
COPYRIGHT - CREDITI